IV Domenica di Pasqua (12 maggio 2019)

Dal Vangelo secondo Giovanni  (Gv 10, 27-30)

In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola».



 

 

don Aldo:

Interrogato dai Giudei che gli chiedevano se fosse il Cristo, Gesù usa un’immagine semplice e chiara, quella del gregge, svelandoci così un aspetto particolare del suo amore. Egli è il Buon Pastore che cura e guida le sue pecore ed è disposto a dare la vita per esse. Il gregge si fida di chi lo segue, lo accompagna e lo conduce. Il pascolo che Cristo offre alle sue pecore è la vita eterna, cioè la partecipazione alla vita di Dio.
Il Signore, scontento dei pastori di Israele, aveva promesso che lui stesso sarebbe venuto a guidare il suo popolo. In Gesù che è l’Emmanuel, il “Dio con noi”, tale promessa è stata mantenuta. Il Salvatore non lascia mai le sue creature da sole e nessuno potrà strappargliele a meno che esse stesse non vogliano allontanarsi da lui.
Il Maestro afferma che lui e il Padre sono una cosa sola; infatti l’unità tra il Padre e il Figlio è sostanziale: “Generato, non creato, della stessa sostanza del Padre”. Il mistero di un Dio-comunione, che fa l’uomo a sua immagine, accennato nel libro della Genesi, è pienamente rivelato in Gesù chi ci svela l’identità di Dio: tre Persone che amandosi infinitamente sono uno solo.
Il Vangelo della IV domenica di Pasqua ci fa interrogare se è veramente Cristo la guida della nostra vita. Solo facendo diventare Dio il centro della nostra esistenza, fidandoci del Buon Pastore, smetteremo di essere ognuno il centro di noi stessi. Un uomo ripiegato su se stesso è la causa di tutte le gelosie, le cattiverie e le falsità.
Noi cristiani facciamo parte del gregge di Gesù, ma per esserlo realmente e non solo a parole bisogna scegliere di dire sì alla sua chiamata ogni giorno.
Su questa terra possiamo già vivere un anticipo della vita eterna che Dio ci ha promesso. Il Signore, infatti, è venuto nel mondo per farci condividere la nuova creazione da lui iniziata. Ci ha uniti a sé rassicurandoci: “Io sarò sempre con voi”. 
Nella preghiera, rapportandoci con Gesù, proviamo i suoi stessi sentimenti, facciamo le sue stesse opere, amiamo come lui ama, sino alla fine. Tutto ciò può essere realizzato ognuno nella sua originalità, partecipando a quel progetto che l’Onnipotente ha pensato per ciascuno di noi.

 

Visita IN TERRIS il quotidiano internazionale on line

Il Papa: "Lo sport sia incontro, mai scontro"

 

Settantacinque anni di storia e "più di un milione e duecentomila tesserati": è un giorno speciale per il Centro sportivo italiano, l'associazione senza scopo di lucro che, dalla sua fondazione nel 1944, si propone di promuovere una cultura dello sport come strumento di integrazione sociale sulla base dei valori cristiani, attraverso competizioni e attività in oltre cento discipline. E, dopo cinque anni, i suoi rappresentanti tornano a incontrare Papa Francesco: "Non sarei neanche capace di individuare una quantità così grande di discipline diverse - ha detto il Santo Padre -, e questo mi lascia immaginare la varietà delle vostre proposte e l’immensa fantasia del mondo dello sport, dove ognuno può trovare la specialità per la quale si sente più portato". Una vera e propria missione quella del Csi, portata avanti con lo scopo di offrire con lo sport "uno stile di vita sano e positivo". Questo perché lo sport "è una grande scuola, a condizione che lo si viva nel controllo di sé e nel rispetto dell’altro"..... ...  [..leggi l'articolo pubblicato sul Quotidiano on line internazionale IN TERRIS: www.interris.it]