IV Domenica di Quaresima (31 marzo 2019)

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 15,1-3.11-32)

In quel tempo, si avvicinavano Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro».
Ed egli disse loro questa parabola: «Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre: “Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta”. Ed egli divise tra loro le sue sostanze. Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto. Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel paese una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla. Allora ritornò in sé e disse: “Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi alzerò, andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati”. Si alzò e tornò da suo padre.
Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio gli disse: “Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio”. Ma il padre disse ai servi: “Presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli l’anello al dito e i sandali ai piedi. Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”. E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò uno dei servi e gli domandò che cosa fosse tutto questo. Quello gli rispose: “Tuo fratello è qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo”. Egli si indignò, e non voleva entrare. Suo padre allora uscì a supplicarlo. Ma egli rispose a suo padre: “Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso”. Gli rispose il padre: “Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”».

 




don Aldo:  

Nella quarta domenica di Quaresima il Vangelo di Luca narra la parabola del figliol prodigo, conosciuta anche come parabola dei due fratelli o del padre misericordioso. Dal racconto di Gesù appare subito come la presenza a casa del figlio maggiore, rimasto in famiglia a differenza del fratello, sia solo formale ed esteriore, perché in realtà questi non è mai entrato nel cuore del padre. Egli, interessato solo a se stesso, non comprende il comportamento del genitore che riaccoglie e festeggia il ritorno di un figlio sciagurato, che ha condotto una vita dissoluta. Ad accrescere la rabbia del giovane c’è sicuramente l’utilizzo, da parte del padre, del denaro che, in fin dei conti, era anche suo; non vuole rientrare a casa: è il segno di una protesta radicale, un’esclusione e una discordia spinte quasi da un desiderio di vendetta. 
La differenza di condotta tra coloro che amano e quanti invece restano chiusi nel loro egoismo traspare dagli atteggiamenti e dai gesti, non solo dalle parole. Infatti il padre misericordioso si precipita in strada per accelerare l’incontro col figliol prodigo, mentre l’altro fratello se ne distacca chiamandolo “questo tuo figlio”.
Quante volte siamo andati alla ricerca di tanti “paradisi” più o meno artificiali restando delusi come il figliol prodigo che si era ridotto a vivere come un animale? Quante illusioni si incontrano vivendo fuori dalla casa del Padre!
Gesù non è venuto sulla terra per condannare, ma per salvare. Il Signore non giudica, non punisce, ma riabilita riconciliando nell’amore coloro che sbagliano. Noi cristiani dovremmo essere sempre capaci di gioire e di far festa dinanzi a chi ritorna, recupera e cambia radicalmente il proprio modo di vivere.
Che tristezza quando si rivendicano sempre i primi posti e i privilegi soffrendo per la buona sorte ed il bene dell’altro! L’invidia, la gelosia sono peccati che tengono l’uomo lontano dalla comunione con i fratelli.
La gioia è piena solo quando c’è qualcuno con cui condividerla. Una cura per le nostre anime, in questo tempo quaresimale, può essere quella di spendere un po’ del nostro tempo con i poveri, le persone sole o quanti hanno sbagliato conducendo una vita ai margini della società.

 

      

Commento al Vangelo di don Oreste Benzi 
  (pubblicato su "Pane Quotidiano", tascabile che ti offre la Parola di Dio di ogni giorno commentata da don Oreste Benzi)
   

Il figliol prodigo, quello che aveva scialacquato tutto, ha provato l’amarezza del distacco e l’auto inganno. È fuggito lontano dal padre, ma l’aveva nel cuore, non lo capiva più e in realtà lo cercava. Così è fuggito lontano lontano, finché ad un certo punto si è accorto che qualcosa non andava. Ma il padre non aveva mai cambiato e lo aspettava; ecco allora l’incontro, che è stato un incontro di parola da parte del figlio, ma di silenzio d’amore da parte del padre. Non gli ha detto nulla, l’ha solo abbracciato! È il linguaggio più profondo e più pieno, che esprime meglio di qualsiasi parola: «Tu sei me!»
Ognuno di noi ha una voglia grande di lasciarsi amare da Dio! È fatto così il Signore, ci ama sempre, anche quando noi ci distacchiamo da lui. Non abbiamo altro scopo su questa terra se non quello di fare esperienza dell’amore di Dio, di Dio che ci vuole bene!



 

Visita IN TERRIS il quotidiano internazionale on line

I tre motivi del viaggio del Papa in Marocco

Nella fitta agenda di viaggi di Papa Francesco per il 2019 c’è spazio anche, in questo ultimo fine settimana di marzo, per il Marocco. La scelta di visitare un altro Paese a maggioranza islamica, dopo gli Emirati Arabi ad inizio febbraio, dà la cifra dell’impegno di questo pontificato a percorrere la strada del dialogo interreligioso con il mondo musulmano. Prima di lui, soltanto un altro Papa era stato in Marocco, Giovanni Paolo II, nell’agosto 1985. Il Papa polacco, incontrando una delegazione di giovani musulmani a Casablanca, disse: “Il dialogo tra cristiani e musulmani oggi è più necessario che mai”. Sono passati trentaquattro anni, ma quelle parole appaiono quanto mai attuali. Ma non solo l'Islam, Francesco in Marocco valuterà anche la condizione dei migranti nei Paesi di transito e quella della minoranza cattolica.... ...  [..leggi l'articolo pubblicato sul Quotidiano on line internazionale IN TERRIS: www.interris.it]